Trump scuote i mercati azionari globali con nuove minacce di dazi

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

1. Trump scuote i mercati azionari globali con nuove minacce di dazi

Nuovi tweet di Donald Trump che minacciano di aumentare le tariffe sulle merci cinesi dal 10% al 25% hanno provocato un’impennata della volatilità lunedì e diffuso un sentiment “risk off” sui mercati, causando un netto rialzo degli asset considerati beni rifugio. La Cina ha reagito con un chiaro rifiuto delle misure adottate dal Presidente degli Stati Uniti, ed è molto probabile che il vice presidente cinese Liu He annulli la sua visita negli USA, in programma questa settimana, dato che la Cina si rifiuta di procedere con i negoziati dopo l’ultimatum di Trump. I tweet di Trump hanno scosso mercati che avevano beneficiato di un convinto andamento rialzista nelle ultime settimane, sulla scorta di progressi nei negoziati commerciali, utili societari migliori del previsto e un atteggiamento neutrale da parte della Federal Reserve.*

2. Rally degli asset rifugio

Il dollaro ha iniziato la settimana con un’intonazione rialzista, con i trader alla ricerca di un rifugio sicuro in mezzo a timori di natura globale. Anche lo yen, altro rifugio sicuro, è salito mentre lo yuan ha ceduto terreno lunedì, dopo che il Presidente USA ha minacciato di aumentare i dazi sui beni cinesi. Il CNH era già arretrato e potrebbe scendere ulteriormente nel caso di un indebolimento deliberato della valuta da parte della Cina, come contromisura nei confronti delle rinnovate minacce tariffarie di Trump. Il cross EUR/JPY ha fatto segnare il punto più basso da gennaio, a quota 123.33 yen, per poi recuperare un po’ di terreno e chiudere le contrattazioni a 123.90 alle 8:00 GMT.**

3. In programma decisioni chiave sui tassi di interesse

I partecipanti al mercato guardano ora con attesa alle riunioni delle banche centrali previste per martedì e mercoledì. In particolare l’RBA dovrebbe mantenere la sua politica accomodante, senza apportare grandi modifiche al suo outlook in materia monetaria, mentre si prevede che la RBNZ riduca i tassi di interesse chiave in misura pari allo 0,25%.***

4. Greggio in discesa, oro in recupero

I prezzi del greggio hanno ceduto oltre il 2% lunedì, con l’intensificarsi dell’umore risk-off dei mercati. Il petrolio greggio ha fatto segnare il valore più basso da un mese, appoggiandosi alla media mobile a 200 giorni. Se questo livello cedesse, riteniamo possibile una discesa fino a circa $58 per il WTI. Altrove, l’oro spot potrebbe rivelarsi il vincitore assoluto, dopo i nuovi sviluppi di giornata, se anche gli Stati Uniti tentassero di indebolire deliberatamente la propria valuta in risposta a possibili ritorsioni da parte della Cina, e nel momento in cui la modalità risk-off dei mercati dovesse avvitarsi su se stessa. Attualmente tuttavia, l’oro necessita di superare quota $1.290 prima di avere realmente una buona possibilità di recuperare il livello di $1.300.****

È possibile trovare e operare con CFD su tutti gli asset menzionati in precedenza su Forex BDSwiss/Forex/CFDplatforms.

Fonti:
*CNBC, 6 maggio 2019 2:48 AM ET
*Forbes, 6 maggio 2019 3:53 AM ET
***Reuters, 6 Maggio 2019 03:07 AM ET
***Investing, 6 maggio 2019 6:07 AM ET

Prossime pubblicazioni degli utili delle principali società

Nome Simbolo Data di uscita degli utili
Ferrovial FER 07 maggio 2019
Koninklijke DSM DSMN 07 maggio 2019
BMW ST BMWG 07 maggio 2019
Electronic Arts EA 07 maggio 2019
Wirecard AG WDIG 08 maggio 2019
Swatch I UHR 08 maggio 2019
Siemens AG SIEGn 08 maggio 2019
Ten Peaks Coffee SWP 08 maggio 2019
Walt Disney DIS 08 maggio 2019
Aviva AV 08 maggio 2019
Zurich Insurance Group ZURN 09 maggio 2019
Continental AG CONG 09 maggio 2019
BT Group BT 09 maggio 2019
Telefonica TEF 10 maggio 2019

 

Inizia a fare trading

Capitale a rischio. Soggetto a T&C.

Share.
Risk Warning: Trading in Forex/ CFDs and Other Derivatives is highly speculative and carries a high level of risk. General Risk Disclosure