I mercati azionari continuano a crollare mentre persistono i timori economici

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr +

1. I mercati azionari continuano a crollare mentre continuano i timori economici

I mercati globali hanno continuato a mantenere uno stato d’animo di rischio, con i mercati azionari globali in calo. I titoli azionari negli Stati Uniti hanno subito un brusco calo martedì, mentre anche i mercati asiatici si sono avviati verso una chiusura ribassista. I titoli europei hanno risentito mercoledì mattina della minaccia crescente di una guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina che continua a pesare sui principali mercati.*

 

2. Rally dei rifugi sicuri

Il prezzo dell’oro è salito ai massimi in più di una settimana mercoledì per le rinnovate preoccupazioni sulla controversia commerciale tra Stati Uniti e Cina e per il suo potenziale impatto sulla crescita globale. L’oro a pronti è stato scambiato da ultimo a 1285,99, con un incremento dello 0,12% rispetto alle 7:32 GMT di questa mattina. Anche altri rifugi sicuri hanno guadagnato con la coppia USD/JPY che è scesa sotto il livello di supporto di 110 per poi recuperare a 110.14 a partire dalle 7:30 GMT di questa mattina.**

 

3. La coppia NZD/USD precipita con il taglio del tassi della RBNZ

Questa mattina la Reserve Bank of New Zealand (RBNZ) ha deciso di abbassare il suo tasso ufficiale di cassa di 25 punti base, spingendo la coppia NZD/USD al di sotto dei minimi precedenti per il 2019. La NZD/USD potrebbe subire un ulteriore calo, poiché la valuta sarà venduta contro il dollaro e lo yen, mentre la propensione al rischio è frenata dall’incertezza sui negoziati commerciali tra Stati Uniti e Cina.***

 

4. Il Bitcoin guida la picchiata della crittovaluta

Il Bitcoin è precipitato questa mattina dopo che Binance ha perso 7000 BTC in un attacco hacker. La coppia BTC/USD è scesa dell’1,76% questa mattina a 6124,0 dollari a partire dalle 7:40 GMT. L’intera cripto community è ora in stato di shock e anche altre importanti coppie di cripto sono in rosso. In particolare, Ethereum è sceso del 5,1% a $176,89, DASH ha perso il 4,88% a $116,90 e Litecoin è sceso del 4,1% a $72,82.****

 

5. Aumento dei prezzi del petrolio

I prezzi del petrolio sono aumentati mercoledì, poiché le sanzioni degli Stati Uniti sugli esportatori di greggio Iran e Venezuela, così come i continui tagli dell’offerta da parte dei produttori hanno causato tensioni sui mercati, come anche le importazioni di greggio in Cina sono salite a un livello record per aprile. I futures del greggio del West Texas Intermediate (WTI) degli Stati Uniti erano a 61,69 dollari al barile alle 7:42 GMT di mercoledì, 44 centesimi, ovvero lo 0,5 per cento al di sopra del loro ultimo computo. Le sanzioni statunitensi contro l’Iran e il Venezuela hanno sostenuto i prezzi del petrolio, mentre l’aumento delle importazioni di petrolio cinese ha registrato un significativo aumento. Va notato che uno sviluppo sfavorevole dello stallo commerciale tra Stati Uniti e Cina potrebbe interrompere l’odierno rally del petrolio.**

 

È possibile trovare e negoziare tutti gli asset CFD di cui sopra sulle piattaforme BDSwiss Forex/CFD.

 

Sources:
*CNBC May 10, 2019 2:48 AM ET
**Reuters May 10, 2019 3:53 AM ET
***FXStreet May 10, 2019 03:07 AM ET

Inizia a fare trading

Capitale a rischio. Soggetto a T&C.

Share.
Risk Warning: Trading in Forex/ CFDs and Other Derivatives is highly speculative and carries a high level of risk. General Risk Disclosure